Stampa

 

 

 

Le parti contraenti di un contratto di locazione sono il locatore ed il conduttore.

Le obbligazioni del locatore sono: consegnare la cosa in buono stato e che abbia il requisito dell’abitabilità, idonea all’uso convenuto e senza vizi; garantirne il pacifico godimento durante la locazione; comunicare in questura, entro 48 ore, la permanenza di eventuali cittadini extracomunitari. 

Le obbligazioni del conduttore invece sono: versare il canone secondo quanto pattuito nel contratto di locazione entro le scadenze convenute; prendere in consegna la cosa e osservare la normale diligenza del padre di famiglia; restituire al termine del contratto la cosa nello stato in cui l’ha ricevuta.

Con la Legge n. 392/1978 il conduttore è visto come portatore di un diritto autonomo di voto, scisso dalla proprietà e che prescinde dalla delega (formale/espressa o implicita) del locatore: egli ha diritto di voto, in luogo del proprietario dell’appartamento locatogli, nelle delibere dell’assemblea condominiale relative alle spese e alle modalità di gestione dei servizi di riscaldamento e di condizionamento dell’aria.

Assodato il diritto del conduttore ad intervenire all’assemblea resta stabilire chi debba invitarlo. Non è così scontato come sembrerebbe che debba farlo l’amministratore. Intanto va precisato che il rapporto di locazione è un rapporto strettamente privato tra il condomino-locatore ed il conduttore-locatario. Per l’amministratore il conduttore sarà un delegato qualsiasi avvertito dell’assemblea dal proprietario. L’amministratore ha potere di rappresentanza solo nei confronti dei condomini, ed è quindi tenuto alla convocazione dei soli condomini in assemblea.

Di conseguenza è consigliabile che l’amministratore invii la convocazione dell’assemblea con sufficiente anticipo, in modo tale da consentire al locatore di rendere edotto il proprio conduttore, e che il locatore inoltri tempestivamente al proprio conduttore copia della convocazione di assemblea pervenutagli, in modo da consentire al conduttore stesso di intervenire all’assemblea, se lo desideri.

Il conduttore si presenterà all’assemblea con copia del contratto di locazione oppure il condomino-locatore notificherà all’amministratore l’avvenuta stipula di detto contratto e il nominativo del conduttore.

Il conduttore ha diritto ad avere copia del bilancio consuntivo e alla consultazione dei giustificativi di spesa per quanto attiene agli oneri dovuti.

Le spese condominiali vanno comunque sempre pagate dal condomino, in quanto egli è l’unico titolare del bene ed è pertanto l’unico soggetto obbligato a concorrere alle spese.

Diversa è invece la situazione in cui l’amministratore eserciti la sua prestazione non in riferimento al condominio, ma nella gestione del rapporto di locazione per conto del proprietario-condomino. In questo secondo caso è opportuno che lo stesso abbia ben chiaro quali siano le spese che può richiedere al conduttore e quali invece gravino esclusivamente a carico del locatore.

La Legge 392/1978 (Disciplina delle locazioni di immobili urbani), art. 9 (Oneri accessori), dice: «Sono interamente a carico del conduttore, salvo patto contrario, le spese relative al servizio di pulizia, al funzionamento e all’ordinaria manutenzione dell’ascensore, alla fornitura dell’acqua, dell’energia elettrica, del riscaldamento e del condizionamento dell’aria, allo spurgo dei pozzi neri e delle latrine, nonché alla fornitura di altri servizi comuni. Le spese per il servizio di portineria sono a carico del conduttore nella misura del 90 per cento, salvo che le parti abbiano convenuto una misura inferiore. Il pagamento deve avvenire entro due mesi dalla richiesta. Prima di effettuare il pagamento il conduttore ha diritto di ottenere l’indicazione specifica delle spese di cui ai commi precedenti con la menzione dei criteri di ripartizione. Il conduttore ha inoltre diritto di prendere visione dei documenti giustificativi delle spese effettuate. Gli oneri di cui al primo comma addebitati dal locatore al conduttore devono intendersi corrispettivi di prestazioni accessorie a quella di locazione ai sensi e per gli effetti dell’art. 12 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633. La disposizione di cui al quarto comma non si applica ove i servizi accessori al contratto di locazione forniti siano per loro particolare natura e caratteristiche riferibili a specifica attività imprenditoriale del locatore e configurino oggetto di un autonomo contratto di prestazione dei servizi stessi (1/d)».

 

Legislazione:

Legge 841/1973.

Legge 392/1978: disciplina delle locazioni di immobili urbani.

Legge 359/1992.

Legge 431/1998: disciplina della locazione degli immobili ad uso abitativo.

Per maggiori info

 

 

 

È stato istituito nella sede operativa ABICONF CAGLIARI di Via Goffredo Mameli 96 al piano 6 intern. 12 lo Sportello del Consumatore.
La responsabile è la Rag.Caterina Vincenti Cell. 3711947794 Uff. 070-4517054
Aperto il Lun.- Merc. dalle 10.00 alle 12.00 o su appuntamento.

abiconf

 

 

 

 Accedi alla tua posizione contabile con l'ausilio della nostra app dedicata agli smartphone dotati di android

download applicazione android

 

 

 

 

 

 

Manutenzione caldaieCon l’entrata in vigore del DPR 16 aprile 2013, n. 74 (GU n.149 del 27-6-2013) le norme sui controlli dell’efficienza energetica sono cambiate: «Le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione dell’impianto devono essere eseguite da ditte abilitate ai sensi del decreto del Ministro dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 (...)

 

 

 

Anche l'amministratore di condominio, in qualità di titolare e responsabile del trattamento dei dati, dovrà rispettare i principi del Regolamento Europeo (...)

 

 

 

Il Codice del Consumo agli artt. 128 e segg. stabilisce in capo del venditore l'obbligo di consegnare al consumatore "beni conformi al contratto di vendita". In caso contrario, su di esso grava la responsabilità per qualsiasi difetto di conformità che si ...(...)

 

 

 

Gentile Condomino, in questo documento, La informiamo delle caratteristiche del trattamento dei Suoi dati personali (a titolo esemplificativo e non esaustivo; nome, cognome, estremi documento di riconoscimento e copia dello stesso, telefono, indirizzo email) effettuato da Studio Pambira Dr.Pierpaolo (di seguito (...)

 

 

 

Le parti contraenti di un contratto di locazione sono il locatore ed il conduttore. Le obbligazioni del locatore sono: consegnare la cosa in buono stato e che abbia il requisito dell’abitabilità, idonea all’uso convenuto e senza vizi; garantirne il pacifico godimento durante la locazione; comunicare in questura, entro 48 ore, la permanenza di eventuali cittadini extracomunitari.  (...)

 

 

 

Dal 25 maggio 2018 il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati - UE/2016/679 - sostituirà l'attuale direttiva UE sulla protezione dei dati (95/46/CE). Le novità introdotte dal nuovo GDPR hanno l'obiettivo di aumentare il livello di sicurezza sulla tutela dei dati personali delle persone fisiche ("interessati") e offrire una maggiore trasparenza sulle modalità di raccolta/utilizzo dei dati (...)

 

 

 

Il decoro architettonico può definirsi come l’insieme armonico delle linee architettoniche e delle strutture ornamentali.

Il decoro architettonico è, quindi, l’estetica complessiva data dall’insieme delle linee e strutture ornamentali che conferisce una armoniosa(...)

 

 

 

 

CLICCA QUI per scaricare: Il modello di informativa ex art. 13 e art. 14 GDPR, la sottoscriva, e la spedisca dalla sua PEC al DPO emanuele@pec.pambira.it oppure la invii attraverso Racc. A.R. all'indirizzo postale che può reperire nel pié di pagina inferiore del nostro portale(...)

 

 

 

Possono svolgere l’incarico di amministratore di condominio (art. 71 bis disp. att. c.c.) coloro:

a) che hanno il godimento dei diritti civili;

b) che non sono stati condannati per delitti contro la pubblica amministrazione, l’amministrazione della giustizia, la fede pubblica, il patrimonio o per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge commina la pena della reclusione non inferiore, nel minimo, a due anni e, nel massimo, a cinque anni; (...)

 

 

 

 

 

 

No, non esiste alcun obbligo di Legge. Ove il regolamento condominiale nulla disponga in proposito, la risposta al quesito non può che essere negativa: non esiste, infatti, nel nostro ordinamento una norma che preveda un obbligo del genere. (...)

 

 

 

 

 

 

 

Il fondo obbligatorio è una delle novità della legge 220/12 e può essere inteso come: (...)

 

 

 

 

 

 

L’incarico di amministratore normalmente ha durata di un anno e si intende rinnovato per eguale durata. L'amministratore può essere revocato in qualsiasi momento da parte dall’assemblea con o senza giusta causa e, in casi particolari, da parte dall’autorità giudiziaria. La revoca è adottata dall’assemblea con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno metà del valore dell’edificio (500 millesimi). Basta la nomina di un nuovo amministratore per far ritenere revocato quello precedente. Nel caso di revoca ad nutum, cioè senza giusta causa, l'amministratore revocato può chiedere ed ottenere l'intero compenso annuale. Se revocato con giusta causa, cioè a seguito di gravi irregolarità, non ne ha diritto. (...)